L’amore trionfa al Teatro Carlo Felice

by

L’amore trionfa al Teatro Carlo Felice

Ieri sera l’amore ha trionfato sul palcoscenico del Teatro Carlo Felice di Genova con un’esemplare messa in scena di Turandot per la regia di Giuliano Montaldo. La regia di Montaldo ieri sera ha avuto decisamente il consenso del pubblico che lo ha applaudito fin dal primo sipario. Ancora una volta il blu cupo dei costumi del popolo disegnati da Elisabetta Montaldo hanno conquistato la platea del Teatro genovese. Un blu “spento” che ha fatto risaltare i colori vivaci dei tre ministri, Ping, Pong e Pang, Il bianco glaciale della principessa Turandot e il grigio massiccio di Calaf.

turandot

ph Marcello Orselli

 

L’opera è partita egregiamente con una scenografia ricca e imponente ed un’orchestra diretta magnificamente da Giuseppe Acquaviva, particolarmente legato al teatro pucciniano. Una lettura dell’opera nell’insieme convincente.

 

Il Teatro

Il teatro genovese era pieno per l’ultima opera della stagione. Applausi calorosi per il debutto del soprano Serena Gamberoni che ci ha proposto una Liù coinvolgente ed emozionante, e per il tenore Rudy Park, che ci ha proposto un Calaf da pelle d’oca con la sua interpretazione di Nessun Dorma.

liu' ( serena gamberoni )

ph Marcello Orselli

Norma Fantini è stata una Turandot elegante ma forse meno cattiva di quel che ci si aspetta dalla regina di ghiaccio, la Fantini infatti ci ha proposto una regina sempre “vicina” a Calaf, in una versione assai più umana rispetto alla Turandot tradizionale.

L'amore trionfa al Teatro Carlo Felice

ph Marcello Orselli

 

Molto bravi i tre ministri, Vincenzo Taormina (Ping), Blagoj Nacoski (Pong) e Marcello Nardis (Pang).

Mi sento di complimentarmi dal profondo del cuore con il coro e il coro delle voci bianche del Teatro, perché hanno proposto un’interpretazione emozionantissima dell’opera.

Luciano Novelli tiene alto l’onore del Teatro con le sue luci in perfetto equilibrio con le scene.

 

“Chi entra in scena vestito e truccato è un attore”

 

Ha esordito così Montaldo durante la conferenza stampa di presentazione di Turandot. Montaldo ci ha proposto la sua Turandot con un allestimento scenico maestoso e spettacolare,  atto ad accogliere la densa coralità della partitura. Montaldo ha curato in maniera evidente ogni singolo particolare dell’opera pucciniana studiando a fondo i caratteri dei singoli personaggi.

Abbiamo quindi visto una Turandot “storica” ma allo stesso tempo innovativa, soprattutto nell’aria finale “tu che di gel sei cinta” dove Calaf si pone al centro della scena sfidando la sua principessa, il suo amore, dominando tutto il palcoscenico.

 

Turandot sarà in scena presso il Teatro Carlo Felice di Genova fino al 21 Maggio 2017

Post realizzato in collaborazione con il Teatro Carlo Felice di Genova

1
No tags 0 Comments 1

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.