Pidocchi: tutte le dritte per conoscerli e combatterli

by venerdì, 14 luglio, 2017

Pidocchi: tutte le dritte per conoscerli e combatterli

Normalmente trovare i pidocchi non è facile, a meno che sulla testa del bambino non ce ne siano in grande quantità.

Quello che si trova normalmente è la lendine, l’uovo del pidocchio che viene deposta in grossa quantità (un pidocchio può depositare anche 10 uova al giorno) e viene in qualche modo ancorato con una sorta di colla alla base del capello.

Le zone più interessate di solito sono la zona alta della testa, dietro il collo e dietro le orecchie, ma in generale tutta la zona del cuoio capelluto.

 

Pidocchi

Le Lendini

Le lendini dei pidocchi variano il loro colore, sul capello biondo diventano quasi grigie e si vedono in trasparenza, mentre sul capello scuro si vedono bianche e sono quindi più visibili ad occhio nudo. In ogni caso vanno cercate molto bene!

Una volta che si scopre che nel capello c’è stato un pidocchio o si sono trovate delle lendini, è necessario iniziare un’azione di eliminazione sia della lendine sia della bestia.

 

Prevenzione

foto-pidocchi-bimbo

L’azione preventiva può essere fatta tramite l’utilizzo di prodotti naturali anche perché non esiste davvero niente di veramente preventivo. Quello che si può usare sono gli oli essenziali a base di lavanda o tea tree oil da applicare sulla cute del capello regolarmente. Oppure esistono anche degli spray preventivi, sempre a base di lavanda, citronella e timo, che hanno lo scopo di creare un ambiente sfavorevole al pidocchio, ma non sempre funzionano al 100%.

Esistono anche dei prodotti omeopatici che si chiamano sali tissutali, si prendono per bocca e vengono utilizzati per i bambini che hanno una forte acidità nel sangue che è quella che attira zanzare e pidocchi. I sali tissutali riequilibrano questa acidità e aiutano ad evitare le punture di zanzare e le infestazioni dei pidocchi.

 

Eliminazione

 

Se si è stati a contatto con bambini che hanno i pidocchi bisogna assolutamente controllare i capelli del proprio bambino e anche se non si vede nulla a occhio nudo consiglio di fare un trattamento.

pidocchi contagio

Il trattamento viene fatto con vari tipi di prodotti.

i prodotti chimici: normalmente sono sconsigliati perché possono essere tossici per i bambini soprattutto se si usano spesso.

i prodotti a base di silicone: sono in genere molto efficaci perché hanno un’azione di soffocamento sia della bestia del pidocchio sia della lendine. Quindi una volta che il pidocchio è soffocato può essere rimosso e la lendine non si schiude.

Il trattamento a base di silicone non è assolutamente nocivo per il cuoio capelluto e può essere fatto anche se non si è sicuri al 100% che il bambino abbia i pidocchi. Per questi motivi può essere applicato anche ai bambini più piccini.

Come si applica il prodotto?

Si stende sul capello, consiglio poi di legare i capelli e coprirli con una cuffia usa e getta. Il prodotto va lasciato 20 minuti circa. Passati i 20 minuti bisogna passare il pettinino molto bene e poi si può sciacquare. Consiglio nei giorni successivi di controllare manualmente i capelli molto spesso dividendo i capelli in ciocche, perché con i pidocchi non si sa mai!!!

 

Per evitare qualsiasi “ritorno” è necessario ripetere il trattamento dopo circa 7 giorni.

 

Una cosa importante: se vostro figlio ha preso i pidocchi dovete lavare tutta la biancheria a 60 gradi fino a quando non siete sicure al 100% di averli debellati.

Per biancheria intendo lenzuola, asciugamani e tutti gli indumenti indossati.

 

Per qualsiasi cosa scrivetemi!

 

Dottoressa Giovanna Roncati

Foto di copertina @mybabyalma

Abitino, Gallo

Post realizzato in collaborazione con la Farmacia del Castello

 

0
No tags 0 Comments 0

No Comments Yet.

What do you think?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *