La fiducia si da’ non si chiede.

by mercoledì, 28 giugno, 2017

La fiducia si da’ non si chiede.

Inutile sottolineare com’è la mia carriera sentimentale, visto che sono una mamma single. Negli ultimi anni, anzi, nelle ultime relazioni, mi sono spesso chiesta nei momenti di difficoltà: “ma le altre come fanno?!”

Me lo sono chiesto in vari frangenti, soprattutto in quelle situazioni dove chissà perché inizi a non fidarti, e ti fai mille domande, e ti senti dire che sei una cretina, una rompi scatole, che non c’è niente e bla bla bla. Peccato che poi puntualmente la vita ha fatto in modo che le cose le scoprissi senza il minimo sforzo.

Ma ora non voglio parlare di questo. Questo era solo per farvi capire che a 35 anni suonati, è impossibile trovare un uomo che non abbia qualcosa di pruriginoso alle spalle (lo stesso vale al contrario ovviamente).

 

La fiducia si da’ non si chiede.

Spesso si fa l’errore di pretendere la fiducia.

La fiducia è quella cosa fondamentale che ci permette di instaurare una relazione sana con il prossimo. Che sia di amore, affetto, amicizia, lavoro, se manca la fiducia non si va da nessuna parte. Persino nel rapporto con i figli la fiducia è fondamentale perché sta alla base della formazione della loro autostima.

Ma la cosa più importante prima di qualsiasi altra cosa che ho compreso in questo periodo della mia vita è che se non si ha fiducia in se stessi, sarà molto difficile che gli altri ne abbiano nei nostri confronti. facile a dirsi, molto difficile da applicare, me ne rendo conto.

Purtroppo alla nostra età, quando si inizia una relazione, si ha molta fretta per svariati motivi. Però allo stesso tempo si fa spesso l’errore inconscio di mettere nella nuova relazione il vecchio bagaglio sentimentale rischiando di far pagare alla persona “nuova” rancori inconsci non risolti. Il caso più banale sono i tradimenti. Io stessa ho avuto relazioni con uomini che erano stati traditi più volte e a me han fatto passare le pene dell’inferno nella speranza di cogliermi sul fatto. Nella maggior parte dei casi i traditori “seriali” erano invece proprio loro. Sì perché spesso il primo che accusa dal nulla è proprio quello che ha la coda di paglia.

E sono proprio questi ultimi a intraprendere questa missione, una ricerca spasmodica di conferma verso se stessi che tanto tutti prima o poi tradiscono come loro o come i loro ex. Per chi ha subito il tradimento si cerca una conferma che inconsciamente si spera che dia pace al lutto passato ovviamente non risolto. “Tanto sono tutte/i uguali” quante volte abbiamo sentito questa frase?!

Per chi tradisce invece, si spera di scoprire gli altarini dell’altro per il semplice gusto di sentirsi a posto e poter dire, ecco lo ha fatto anche lei/lui. Atteggiamento tipico nelle relazioni nuove dove spesso uno dei due tiene il piede in più scarpe proprio per essere sicuro di non rimanere a piedi. Purtroppo è così, non scandalizzatevi, la domanda è troppa rispetto all’offerta quindi è giusto che si facciano i “casting”…

 

Eppure tutti siamo alla ricerca della storia d’amore PERFETTA e allora perché non ci riusciamo?!

 

Perché tra il desiderio e la sua realizzazione si infila il terrore di soffrire di nuovo. E allora ecco che si tirano su pregiudizi, resistenze, dubbi inutili, pur di mettere in discussione la nuova relazione. Perché si torna sempre lì a cercare inconsciamente di confermare a se stessi che tanto sono tutti/e uguali!

 

Per essere felici bisogna avere fiducia

 

Io lo so bene cosa significa chiudere una relazione. È come elaborare un lutto. Bisogna rialzarsi e riprendere ad avere fiducia in se stessi perché si pensa di non essere in grado di scegliere il compagno per noi, ci si chiede “ma come ho fatto a non accorgermi prima..” eccetera eccetera. Molte persone (me compresa intendiamoci) cercano di trovare “la colpa” in qualche avvenimento, qualche persona, qualsiasi cosa. Ci si aggrappa a tutto pur di non affrontare se stessi perché mi dispiace smontare i vostri castelli ma nelle relazioni la colpa è sempre di entrambi.

La felicità è la cosa più chiara da vedere eppure siamo talmente presi dalla nostra voglia di trovarla che quando ci capita davanti non ci sembra vero ed ecco che iniziamo a smontarla pezzo per pezzo mettendo in dubbio qualunque cosa.

STARE BENE È PERICOLOSO e questo purtroppo succede perché evidentemente non siamo pronti ad essere felici. Ci sarà mica qualcosa ancora da risolvere con noi stessi?

Spesso mi chiedono come ho fatto ad affrontare una gravidanza da sola.

Questa è stata sicuramente la prova più grande della mia vita perché non ho avuto scuse. Nessuno poteva risolvere la mia situazione, nessuno. E nella vita purtroppo nessuno potrà mai capire cosa significa fare quel percorso da sola, nemmeno chi ti è stato vicino ogni giorno, solo chi lo ha vissuto come te in prima persona può davvero capirne il significato.

 

La ricetta della felicita’

L’unico modo per essere felici è partire da se stessi. Nessuno può renderci felici. Si può trovare qualcuno con cui CONDIVIDERE LA FELICITÀ ma non si può e non si deve aspettare che arrivi chi ci risolve la vita e ci fa essere felici. Non è facile tenerlo a mente, io per prima ci casco spesso, ma è una regola che da due anni a questa parte cerco di non dimenticare.

 

Amarsi significa fidarsi l’un altro prendendosi le proprie responsabilità dell’esperienza che si decide di fare insieme.

Salti tu, salto io.

A volte le cose che abbiamo paura di fare sono proprio quelle che ci rendono liberi, quando ami dimentichi la paura di cadere perché hai solo voglia di volare.

 

Se sei una mamma single clicca qui per iscriverti al GRUPPO CHIUSO

Immagine di copertina by @helloemilie

6
No tags 0 Comments 6

No Comments Yet.

What do you think?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *