Il Castello di Issogne

by venerdì, 25 agosto, 2017

Il Castello di Issogne

Oggi vi racconto della nostra gita al CASTELLO DI ISSOGNE , a pochi minuti da Verrès, è uno dei castelli più famosi della Valle D’Aosta.

Appartenuto per secoli alla famiglia Challant, il castello conserva i caratteri di una elegante e raffinata dimora signorile della fine del Quattrocento distinguendosi dalla maggior parte dei castelli valdostani che erano stati costruiti principalmente per motivi di difesa.

il castello di issogne-vista

La famiglia Challant era proprietaria della maggior parte dei castelli della valle, il Castello di Issogne fu ampliato da Giorgio di Challand per il nipote Filiberto rimasto orfano di padre molto presto.

La dimora in seguito fu acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo: egli, con un’attento restauro, restituì al maniero il suo splendore. Il castello di Issogne si presenta oggi con alcuni elementi dell‘originale mobilia e altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento, che insieme a numerosi oggetti d‘uso domestico ripropongono l‘ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo.

 

La fontana del melograno

La fontana del melograno

Nel 1502 Giorgio Challant regalò al nipote Filiberto, per le sue nozze con Louise d’Aarberg, la fontana di melograno situata nel mezzo del cortile del castello come dono di buon auspicio.

La vasca della fontana ha forma ottagonale come le fonti del battesimo, la forma ottagonale è per richiamare il numero “8” che è il simbolo dell’infinito e quindi un augurio di amore eterno.

Il melograno posto al centro della fontana simboleggia la fertilità, ma oltre al melograno si possono intravedere delle foglie di quercia che simboleggiano la forza.

L’acqua della fontana usciva dal basso verso l’alto come simbolo della salvezza.

 

Il Cortile

il castello di issogne-cortile

Il cortile era il fulcro della vita “pubblica” del castello: il luogo in cui Giorgio di Challant volle concentrare una ricca decorazione proprio per attirare l’attenzione degli ospiti.

Nel porticato si possono ammirare infatti la lunetta del mercato ricca di particolari storici importanti come le scarpe appese in vendita, da qui si vede che andavano di moda le scarpe a punta, c’è inoltre un uomo che indossa un paio di ballerine con passante che ci fa capire come si vestivano in quell’epoca.

Di seguito possiamo vedere la lunetta del sarto ricca di tessuti e la farmacia speziale. All’epoca non c’erano ovviamente medicinali perchè si curavano con le spezie quindi si possono vedere i barattoli di spezie e gli EX VOTO appesi ovvero forme di mani, bambole, che simboleggiavano la parte malata. Gli ex voto venivano comprati dalle persone per poter poi pregare per la loro guarigione.

Tra gli oggetti appesi nella farmacia speziale troviamo anche le spugne.

Queste spugne venivano impregnate di etere e poi fatte seccare per essere vendute.

Una volta immerse nell’acqua sprigionavano l’etere che era un ottimo anestetico.

 

Il Castello

il castello di issogne-la cucina

Nel suo interno il Castello di Issogne ci presenta la sua epoca in tutta la sua bellezza e invettiva.

La cucina al piano terreno aveva tre camini e si vede per la prima volta un ripiano in marmo per cucinare con il buco per i rifiuti.

il castello di issogne-la cappella

Al primo piano spicca nella sua magnificenza la Cappella con un altare a sportelli originale dei primi del XVI secolo. Adiacente alla cappella troviamo anche la sala delle armi dove si può ancora ammirare una parte della collezione delle armi antiche del castello.

il castello di issogne-interni

Al secondo piano invece troviamo le camere da letto, queste erano piccole per mantenere il calore, si vedono i primi letti a misura d’uomo perché in quest’epoca iniziarono a dormire sdraiati. Avrete notato che in molti castelli di epoche precedenti i letti erano più corti, non era dovuto alla statura ma dal fatto che precedentemente si pensava che dormire sdraiati facesse perdere l’anima nel sonno per questo era usanza dormire seduti.

il castello di issogne-le scale

La visita guidata dura circa un’ora, il castello è stupendo ed essendo ricco di particolari desta interesse anche nei bambini.

Ci sono bagni attrezzati e il parcheggio è molto comodo, proprio sotto all’ingresso del castello. Per mangiare vi consiglio il ristorante AL MANIERO a 100mt dal castello (vi consiglio di prenotare per tempo altrimenti non trovate posto).

Il castello di issogne-porticato

Per info e prenotazioni potete collegarvi al sito ufficiale:

http://biglietteriecastelli.invallee.it/MidaTicketAOSTA/AOL/AOL_Default.aspx

il castello di issogne - biglietti

 

Post scritto in collaborazione con la Regione autonoma Valle d’Aosta

Si ringrazia in particolare l’Assessorato Istruzione e Cultura

My Baby Alma veste MAYORAL, sneakers SAUCONY ORIGINALS

0

No Comments Yet.

What do you think?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *