Do i numeri perché cerco Te: storie autobiografiche di PMA

by mercoledì, 21 giugno, 2017

Do i numeri perché cerco Te: storie autobiografiche di PMA

 

Questo libro è nato da un progetto di scrittura autobiografica femminile. Le due autrici hanno raccontato la propria storia, e hanno raccolto 10 storie di donne che hanno vissuto o stanno vivendo il percorso di PMA.

Il titolo è volutamente forte e forse provocatorio, ma è stato scelto per comunicare in modo immediato che le coppie che si trovano ad affrontare la procreazione assistita vengono catapultate da subito in un sistema numerico che spesso disorienta. Sono coppie che hanno già cercato un figlio per anni in modo naturale, e si sono rese conte che da soli le possibilità non hanno portato a niente, sono coppie che i numeri un pochino già li conoscono perché hanno già contato i giorni fertili, i rapporti mirati, i cicli arrivati e i test di gravidanza negativi.

 

Hanno già contato le delusioni.

 

Diventano importanti i mesi che sfuggono, i follicoli che si producono, i numeri degli spermatozoi. Ecco che si devono imparare i numeri dei valori degli ormoni che vengono controllati presso i Centri Specializzati, i numeri degli ovociti che verranno prelevati, e non solo: la coppia che cerca un bimbo (non dimentichiamo che il percorso medico è finalizzato a questo) diventa in parte anche medico di se stessa: deve imparare a seguire i dosaggi dei farmaci prescritti, gli orari rigidi in cui assumerli, e poco conta se si è al lavoro, in viaggio, ad un aperitivo…

 

Questi numeri sono la strada per il bambino atteso, aspettato, sognato.

 

Storie vere di procreazione assistita, infertilità, maternità e amore

Le storie raccolte in questo volume sono vere, adottano parole forti, numeri consapevoli e non sempre c’è un lieto fine. Delle dieci donne che hanno donato la propria storia, alcune sono ancora dentro il percorso di PMA; è stato scelto di dare anche questo messaggio perché il mondo della Procreazione Assistita richiede tenacia, forza di coppia e resilienza. E’ un percorso che non ti permette di non sapere. La gravidanza di queste coppie inizia mentalmente alla prima somministrazione del farmaco, cioè al primo giorno della cura per avere un bambino, perché tutte le forze e le energie mentali, ma anche fisiche, sono protese verso l’obiettivo: il test positivo, l’attesa del bambino diventa tangibile, diventa strada percorsa ecografia dopo ecografia.

Do i numeri perché cerco Te

vian.indd

Questo libro dimostra che ci sono coppie che fanno parte di questa realtà; dimostra che la domanda: ”Voi figli quando?” andrebbe riposta in un bel cassetto chiuso a chiave, perché è una domanda scomoda, a tratti invasiva e, azzardiamo, coraggiosa. Coraggiosa perché c’è chi ha infranto il tabù della PMA e vuole parlarne e potrebbe rispondere a tono, come le storie che ci sono all’interno di Do i numeri.

 

Sono storie con un tono forte e coraggioso.

 

Il volume si apre poi ad una testimonianza autobiografica di un’adozione internazionale, per poi accogliere una seconda parte di capitoli scientifici dedicati al mondo della Procreazione Assistita visto da specialisti che operano in questo campo, sia psicologi che ginecologi.

 

Vi lasciamo con una sola piccola riflessione, che ci piacerebbe fare con ognuna di voi: se unite le donne riescono a creare fili meravigliosi di storie, di racconti e di amicizie. Noi ne abbiamo raccontato un solo piccolo pezzo, come abbiamo voluto e, in parte, potuto. Una finestra aperta in quell’infinito grattacielo che è l’universo femminile. Speriamo di riuscire ad aprire altre finestre, così, semplicemente chiedendo, e altrettanto semplicemente facendo guardare dentro.

E forse facendoci guardare dentro.

 

Do i numeri perchè cerco te, Anna Marzoli & Nicole Vian

 

Illustrazioni di Andrea Tarella

5
No tags 2 Comments 5
2 Responses
  • Nicole
    giugno 25, 2017

    Cara, ho voluto scrivere questo libro per testimoniare che noi esistiamo e affrontiamo percorsi complicati per esistere mamme e non solo donne. Grazie dello spazio che ci hai dedicato. ❤️

    • Martina
      giugno 26, 2017

      Grazie a voi, speriamo che si creino nuove connessioni <3

What do you think?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *